Torta di Carote (Senza Lattosio) : Consigli e Istruzioni per sopravvivere all’intolleranza da lattosio

CHI VUOLE UNA FETTA DI MORBIDEZZA?

LA TORTA DI CAROTE: un dolce semplice e genuino a base di carote fresche, che in questo caso, è stata preparata SENZA LATTE, SENZA BURRO e con l’aggiunta di farina di mandorle e succo d’arancia!

Torta-di-carote-carrot-cake-senza-lattosio-3
Una torta che ricorda le “Camille“, le famose merendine a base di carote che hanno accompagnato l’infanzia di molti ma purtroppo, non della mia.
Il perchè?! Beh… A causa della mia intolleranza al lattosio!

Proprio per questo motivo, ho deciso che era giunta l’ora anche per me, di gustarmi una buona fetta di dolce alle carote per merenda e quindi, con l’aiuto dei miei figli, mi sono subito messa all’opera per trovare una ricetta il più simile possibile all’originale.

Dopo mille tentativi, ce l’ho finalmente fatta e che dire… Sono proprio soddisfatta ❤

Ricetta - Torta di carote

PROCEDIMENTO:

  1. Mescolare in una ciotola acqua, zucchero,  e succo d’arancia fino quando non si scioglie lo zucchero;
  2. Frullate le carote con un mixer o un miniprimer con l’olio fino a che non avrete ottenuto una crema di carote morbida;
  3. In una ciotola, inserite 250gr di farina integrale, la farina mandorle, lo zucchero una bustina di lievito setacciato;
  4. Aggiungete poco alla volta il succo di arancia precedentemente mischiato con 200ml di acqua, la crema di carote e continuando a mescolare, create un impasto liscio e privo di grumi;
  5. Versate l’impasto in una teglia da 22 cm infarinata;
  6. Cuocete in forno statico già ben caldo a 160/180°  per circa 35 – 40 minuti, la torta è pronta quando alla prova stecchino risulta asciutto.

    Lasciate intiepidire per 15 minuti e…  buona merenda ❤

Torta-di-carote-carrot-cake-senza-lattosio-2

Come vi accennavo all’inizio dell’articolo, questa ricetta è adatta a chi come me, è intollerante al LATTOSIO: un’insufficienza parziale o totale di enzima lattasi, responsabile della digestione del lattosio.

Quando il lattosio permane nel tratto intestinale, fermenta richiamando liquidi nel colon e aumenta la produzione di gas, causando i principali SINTOMI come il meteorismo, flatulenza, gonfiore e dolori addominali, diarrea, stitichezza, nausea, mal di testa, spossatezza ed eruzioni cutanee.

Nella mia esperienza tutto è partito da molto piccina, credo addirittura dallo svezzamento. La diagnosi effettiva però, è arrivata solamente col passare degli anni quando, dopo continui gonfiori, coliti ed eruzioni cutanee, mi è stato ufficialmente detto che la causa del mio continuo malessere era proprio lei: L’INTOLLERANZA AL LATTOSIO!

Non nego che il momento di panico iniziale c’è stato ma, col passare del tempo, è diventato fortunatamente tutto più semplice e se così si può dire, normale.
Ad oggi, all’età di 34 anni, riesco infatti ad avere un’alimentazione varia, completa e senza nessun tipo di privazione

COME? Ecco alcune linee guida..

Partiamo dalle basi: convivere con questa intolleranza è possibile eliminando dalla dieta tutte le fonti di lattosio, EVITANDO in primis il LATTE VACCINO, di capra; i formaggi freschi (mozzarella, certosa e quelli a pasta molle) e tutti i prodotti a base di latte (gelati, burro, creme, pane, prodotti da forno, cioccolato al latte).
Per le amanti del fitness: attenzione anche alle proteine in polvere perché la maggior parte contengono il siero del latte. Privilegiare proteine vegetali o prive di lattosio.

Detto così sembra una tortura, lo so! Ma ragazze, anche per noi c’è speranza.. Fidatevi! Mangiare latticini è infatti possibile anche per noi:

  • SI ai FORMAGGI STAGIONATI (come grana, parmigiano e pecorino) che in genere non danno problemi e diciamoci la verità… Sono anche i più buoni ;);
  • SI al LATTE DELATTOSATO (privo di lattosio);
  • SI ai PRODOTTI CASEARI arricchiti da LACTOBACILLUS ACIDOPHILUS (un batterio che digerisce il lattosio);
  • SI ai PRODOTTI CASEARI a base di LATTASI o LATTOSIO PREDIGERITO.

Una cosa che mi sento di consigliarvi, è sicuramente quella di fare ATTENZIONE A QUELLO CHE COMPRATE: il lattosio infatti, è spesso usato come additivo e può essere presente in insaccati, affettati, purè, sughi, dado da brodo, alimenti in scatola e altri prodotti confezionati. Anche alcuni medicinali possono contenerlo, ma generalmente vengono ben tollerati.

Un consiglio utile quindi, è consultare sempre l’ETICHETTA degli alimenti.

Altro consiglio per chi ha il deficit di lattasi e vuole comunque godersi una cena con latticini o derivati,  è quello di ASSUMERE ENZIMI CONTENENTI LATTASI, prima di mangiare.

Insomma Mamas, tutto è possibile. Qualche trucco, un pizzico di attenzione in più e anche noi “sfortunate intolleranti”, possiamo goderci la vita e soprattutto, il buon cibo!

A presto!
Laura

Laura- ginfitfood
Laura                @ginfitfood

 

2 risposte a "Torta di Carote (Senza Lattosio) : Consigli e Istruzioni per sopravvivere all’intolleranza da lattosio"

  1. Sicuramente proverò questa ricetta! Come spunto per il prossimo articolo sarebbe bello avere una ricetta di un dolce senza uova..il mio bimbo è allergico e sono alla ricerca di proposte dolci che vadano bene anche per lui! 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...