Latte in Tandem: allattamento al quadrato- gemellare

Latte in Tandem: allattamento al quadrato

È molto tempo che vorrei condividere la mia esperienza di allattamento, ma mi sono sempre chiesta come avrei potuto iniziare a raccontarla.
Alla fine, ho deciso di usare la parola che mi ha definita nei primi tempi in cui, in dolce attesa, mi sono avvicinata all’argomento: “ESCLUSA”.

Già, le prime frasi rivolte alla mia categoria sono state: “ESCLUSE LE GEMELLARI!” 

Ma andiamo per ordine, mi presento: sono Sara, mamma di Bianca e Riccardo, due piccole canaglie di 2 anni e spiccioli. Sin dall’inizio, quando ancora ero una futura mamma, le sorprese non sono mancate. Dopo un lungo, lunghissimo tempo di pre-attesa, vengo finalmente premiata, ma non con la classica doppia lineetta: con un numero, che non dimenticherò mai, 625. Era il risultato delle bhcg , un numero altissimo che veniva confermato solo 10 giorni dopo, da due meravigliosi battiti.

Così inizia il mio percorso di documentazione: mi piace essere informata, studiare le cose, per non trovarmi impreparata …e pure col rimorso! Perché di tempo ne avrei avuto tanto con la mia gravidanza complicata: 8 mesi lunghissimi, da impegnarmi.

Nella mia città – la mia amata Bologna – si possono trovare tante strutture che organizzano incontri gratuiti e approfonditi sui vari temi della gravidanza. Ho potuto assistere a uno di questi cicli e il tema più bello, almeno per me, è stato quello sull’allattamento esclusivo materno a richiesta. In merito all’allattamento, avevo avuto diverso tempo per pensare, leggere e capire che cosa avrei voluto fare, ma prima di partecipare a questo incontro mi sentivo ancora molto confusa.

Sarò una di quelle fortunate che possono allattare? E se arriverà il latte, sarà sufficiente? E le ragadi? E il dolore, saprò sopportarlo?
Tutte queste domande dopo solo qualche ora con quelle magnifiche consulenti avevano trovato risposta… L’unica domanda che rimaneva un’incognita era:  “CE LA FARÒ AD ALLATTARNE DUE?”

Latte in Tandem: allattamento al quadrato- gemellare

Non trovai risposte avverse, ma nemmeno affermative. Questo mi fece sentire un’esclusa, o forse è meglio dire “giustificata” se non ci fossi riuscita. 
Che poi, diciamocelo, giustificata di che cosa? È una scelta!

L’allattamento materno per quanto sia assolutamente possibile non è una scelta di tutte, e comunque va rispettata. Non volevo sentirmi giustificata. Ero terrorizzata dall’essere giustificata. 

Una delle mie paure più grandi dalla scoperta dei gemelli era proprio sentirmi sopraffatta e dipendente. Di non poter più fare nulla, uscire, gestire i miei bimbi come se fossero stati uno solo. Dopo quell’incontro decisi che avrei provato l’allattamento esclusivo a richiesta, con tutta me stessa.Feci diversi incontri, anche privati. Presi contatti con Francesca, una consulente che mi avrebbe seguita dalle primissime ore post parto. 

E così è arrivato IL GIORNO: sono stata fortunata! Riccardo si è subito attaccato bene; con Bianca, invece, abbiamo dovuto aggiustare un pò il tiro, e l’arrivo di Francesca a 3 ore dal parto è stato fondamentale.

In breve tempo tutto ha iniziato a procedere quasi facilmente.
Quasi facilmente perché entrambi si attaccavano una volta all’ora, e lo hanno fatto per mesi, ma almeno in 10 minuti facevano la loro poppata completa. Erano due piccoli bebè diligenti, sembrava che sapessero di dover fare presto perché mamma era esausta. Non riuscivo a dormire più di 30 minuti di fila. Ero il loro spartiacque: abbiamo dormito insieme, uno alla tetta destra e l’altra alla sinistra, sempre.

Quando guardo indietro mi chiedo ancora come ci sia riuscita davvero. Ma penso che sia una domanda ricorrente per tante mamme, quella stessa domanda che ci fa sentire un pochino Wonder Woman.

Quasi facilmente perché 7 giorni dopo mi sono comparse le tanto temute ragadi! Non dovute all’attacco sbagliato, ma a una specie di allergia alle coppette assorbilatte usa e getta. Ecco, a tal proposito: NON USATELE (esistono quelle di cotone organico), perché l’allergia mi ha procurato dolori lancinanti e la conoscenza di un nuovo, ‘fantastico’ alleato: il tiralatte.

Quasi facilmente perché 15 giorni dopo il parto cesareo sono stata ricoverata per 10 giorni a causa di un problema dovuto all’intervento. Senza bimbi, con due litri di latte da tirare e buttare, scossa da febbri altissime e senza forze. Spesso non riuscivo a svegliarmi per tirarlo in tempo, con la conseguenza di trascinarmi in doccia per poter sciogliere quei dolorosi ingorghi. Credo siano stati i giorni più difficili, senza i miei piccoli, senza sapere cosa esattamente mi stava succedendo… 

Quasi facilmente perché ci ho messo più di 3 settimane per riabituarli alla tetta e ad abbandonare tiralatte e biberon. E la loro difficoltà mi faceva sentire ingiustificatamente rifiutata.

In quel quasi, in realtà, c’è tutta la fatica, tutto l’impegno, tutto il male, che però non è nulla in confronto alla convinzione di quanto bene stessi facendo a tutti e tre.

Latte in Tandem: allattamento al quadrato- gemellare

E ancora, nonostante il mio decolté da maggiorata scomodo, ingombrante e le magliette perennemente bagnate, le lenzuola da cambiare spesso anche se dormivamo su una distesa di asciugamani. Tutti quegli episodi imbarazzanti (più per gli altri che per me) non pesavano, perché oramai era diventato naturale come respirare. Mi ero adattata alla situazione e non mi affaticava più, anzi, avere latte a portata di mano mi permetteva di andare ovunque senza biberon, thermos, scatoline e misurini per il latte in polvere.

Ho ricordi meravigliosi: come quella volta che affamatissimi e urlati in mezzo a Piazza Maggiore mi hanno costretta ad un tandem improvvisato. Quando abbiamo partecipato al flashmob. Quando arrivavo agli spazi mamma e tutte mi guardavano come un extraterrestre perché uno schizzo di latte mi partiva in mezzo alla sala. Quando ubriachi di latte i miei bimbi mi si addormentavano addosso e vederli così mi faceva sentire in pace con l’universo.

Quando mi chiedevano “ma come fai?” e io rispondevo: “ne sono arrivati due e faccio per due, non ho tempo per pensare al come!”

Latte in Tandem: allattamento al quadrato- gemellare

Ed è proprio grazie ai ricordi positivi che quando mi chiedono: ma come hai fatto? Come ci sei riuscita? Mi viene da rispondere È STATO FACILE! È STATO NATURALE! È venuto da sé… E’ stato quasi una MAGIA!

È stato COMODO, perché avevo latte caldo pronto all’uso sempre, senza dovermi organizzare. Perché è bastata la convinzione e la pazienza, una consulente pronta ad aiutarmi, e tutto è filato come hanno fatto miliardi di generazioni di donne prima di me.

Purtroppo, come spesso avviene coi figli, tutto passa troppo in fretta.

Il nostro percorso si è interrotto al compimento dei 13 mesi, Riccardo a 9 mesi ha iniziato a stare attaccato tutta la notte, la cosa sarebbe anche potuta continuare ma avendo Bianca da accudire il tutto stava diventando esageratamente complicato. Mi ci è voluto diverso tempo per decidere di concludere questo percorso. Alla fine la mancanza di sonno e di energia ha vinto, purtroppo. Così, gradualmente, con tanta pazienza e dolcezza, abbiamo interrotto

Latte in Tandem: allattamento al quadrato- gemellare

Non mi è mai mancata la pancia, ma mi manca, ogni giorno, quel legame inteso che vivevamo, la gioia di vederli crescere grazie al nutrimento che producevo tutto per loro. La magia che si creava quando i nostri occhi si incontravano. È stata un’esperienza intensa che consiglierei a tutte le mamme, gemellari INCLUSE

Perché allattare al seno è naturale.
Perché allattare i gemelli si può.

Sara

2 Comments

  1. Emanuela

    Mi hai emozionata!io allatto il mio bimbo di 7 mesi ed è un’esperienza davvero magica, al di là di ogni momento un po’ difficile che l’allattamento al seno può comportare. La tua esperienza è davvero unica secondo me, e l’hai raccontata meravigliosamente!💝

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...