Giornata Mondiale della voce

Giornata mondiale della Voce: quando la voce parla per te

Care Mamas al di là dello schermo, sono Monica, una neo-mamma che ha da poco trovato la sua strada e la sua gioia nella vita.

Appassionata di canto fin da piccolissima, la mia infanzia è stata segnata da concorsi, ospitate in trasmissioni e progetti musicali dalla tenera età di 8 anni: la bimba con il vocione mi chiamavano!

Ebbene sì, ero piccina ma avevo una voce molto potente, e il contrasto tra bimba piccola e voce grossa e bella mi ha caratterizzato per parecchi anni, anni in cui quella bambina “rinunciò” a quel suo essere bimba per affrontare un mondo molto particolare.

A 18 anni lavoravo nelle Big Band in Rai, facevo concerti in giro per l’italia con diverse orchestre, e i tour impegnavano gran parte dell estate e dei fine settimana. Le amicizie erano difficili da coltivare, quando tutte uscivano il sabato sera, io andavo a cantare!

Tutto ciò mi ha portato un giorno a dire BASTA: volevo essere Monica, volevo che la gente mi fermasse in giro per parlare di me e non dei miei risultati canori, volevo andare a ballare e uscire con i miei coetanei e recuperare ciò che non avevo vissuto prima. Poi un giorno, a seguito di una grande crisi in cui mi sembrava di non saper neppure chi fossi e cosa stessi a fare al mondo, pensai che mi mancava ciò che fino a quel momento mi aveva dato l’opportunità di esprimermi: LA MIA VOCE.

Giornata mondiale della voce

Forse per molti stare su un palco o stare in tv è cosa per persone sfrontate e non timide, ma questo non era il mio caso! Sopra al palco con quel microfono in mano mi sentivo un leone, sotto i riflettori ero una talpa, volevo nascondermi e odiavo gli occhi addosso.

Le mie insicurezze e le mie fragilità le affrontavo solo con il canto, che era il mio rifugio.

Da quel momento capii che il dono che mi era stato dato dovevo sfruttarlo per farmi tornare il sorriso, per realizzare chi davvero fossi. Tutti mi dicevano che con la mia voce trasmettevo e “arrivavo” dritta al cuore di chi mi ascoltava, allora mi misi in gioco sotto un’altra veste, e mi specializzai nell’insegnamento, nel dare a qualcun altro quello che il canto aveva dato a me.

Iniziai dunque una nuova strada, che è quella in cui cammino ancora, una strada stupenda in cui do e ricevo ogni giorno le emozioni più belle! Insegnare è l’insegnamento più bello di cui si può far tesoro, si, proprio così! Io insegno e mi metto a disposizione dell’allievo che dall’ altra parte mi stimola ad essere sempre più attenta, e mi aiuta a migliorare sempre di più: è un dare e un ricevere ricco di emozioni, un continuo scambio, una sensazione di completezza unica.

Nel frattempo incontrai l’Amore! Finalmente una relazione stabile con una persona speciale e con cui ho realizzato il sogno più grande della mia vita: DIVENTARE MAMMA. Aurora è la mia piccola di appena 3 mesi, un dono speciale che la vita ha deciso di farmi.

E sapete una cosa? Anche ora la mia voce è fondamentale! Io le canto e lei mi guarda, mi ascolta, e non c’è momento più bello di questo.

Mamma abbracciata alla propria piccola nel divano - cantare ai bambini.jpg

La mia voce è sempre stata la mia confidente, la mia compagna di vita nei momenti brutti, belli, difficili ed emozionanti; la voce non mi ha mai abbandonato, la musica mi ha fatto rialzare dopo tante cadute, mi ha reso migliore, mi accompagna ogni giorno nella mia nuova veste di mamma, insegnante e cantante!

Ora ho tutto quello che potevo chiedere dalla vita, e l’ho ottenuto seguendo la mia vocazione, il mio dono, la mia VOCE.

Monica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...