Le due mamme della mia vita

Le mamme della mia vita

Sono cresciuta in una grande famiglia e sono la terza di ben quattro figli. 
Sono stata figlia e sorella per tutta la mia vita, e raramente mi sono chiesta cosa significasse essere madre, finché non sono rimasta incinta! Da quel momento ho trascorso i restanti mesi fino alla nascita del mio bambino a pensare e a chiedermi che tipo di madre io desiderassi essere, perché sono convinta che ogni donna dovrebbe chiederselo, vista l’immane responsabilitá di mettere al mondo un altro essere umano. Fino al momento della mia gravidanza ho potuto vedere e sentire cosa significasse essere figlia in più modi. 

Mia mamma ha dedicato la sua intera esistenza a noi figli, ci ha cresciuti con cura, con un amore che è sempre evidenziato in ogni cosa facesse per noi. 

Certo, è stata anche severa quando ce n’é stato bisogno, ma in particolare durante l’infanzia, ci ha protetti, curati e coccolati in un modo che personalmente mi ha segnata e mi ha fatta sempre sentire amata in ogni momento della mia vita, ovunque fossi. Col tempo, ho avuto come secondo esempio di madre mia sorella, che ha due bambini. 

In realtà però, lei non è stata solo un esempio, ma è mamma anche un pò mia, ed io la chiamo spesso scherzando “Mamma numero due”.  Lei è più grande di me di sei anni, ed è madre da quasi dieci. Nel vortice delle cure, della fantasia, l’apertura al mondo, la pazienza di cui è fatto il suo essere madre, mi sono sentita trascinare dolcemente anch’io, soprattutto da quando viviamo entrambe all’estero in città vicine, lei si è presa cura di me praticamente e sentimentalmente, nonostante fossi anch’io ormai adulta.

Quello che mi hanno insegnato queste due donne della mia vita, è che essere madre ha innumerevoli sfaccettature, sfumature e possibilità, ma che al centro di tutto c’é il prendersi cura del cuore dei propri figli, per far sí che l’impronta che si lasci in loro per sempre sia all’insegna dell’amore incondizionato. 

Quest’amore è un amore che bisogna dire a parole, con “ti voglio bene” e “ti amo” tutti i giorni, e praticamente con gesti e accortezze. E quindi, quando quasi un anno fa sono diventata mamma anch’io, la risposta alla domanda “Che madre voglio essere?” pensandoci e ripensandoci, alla fine é stata: “Quella di cui mio figlio avrá bisogno, in base alle sue necessità, al suo carattere e alla sua sensibilitá”. Questo mi hanno insegnato le mie due mamme per la vita!

Fortunata è la donna che può dire di avere due madri dalle quali poter prendere esempio per essere madre a sua volta.

Auguri a tutte noi, Mamas!
Emanuela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...