educare i nostri figli maschi alla gentilezza - rispetto per le donne

“Posso chiamarti Principessa?” : educare i nostri figli maschi alla gentilezza

Biancaneve, Cenerentola, Belle, tantissime principesse e qualche unicorno! 

In che senso? Erano i costumi di carnevale che hanno indossato le bimbe della scuola dell’infanzia di mio figlio. Erano stupende e mi hanno ricordato quanto anche io da piccola adorassi indossare quei meravigliosi abiti pieni di pizzi e fiocchi.

Le bimbe di oggi

Alle bimbe di oggi però viene insegnato che sì, possono essere principesse a carnevale, ma gli altri giorni dell’anno devono “essere in prima linea” contro i pregiudizi per affermare sempre più la parità di genere tra uomo e donna. 

Al giorno d’oggi giustamente ci si indigna se in una pagina del quaderno di scuola c’è scritto che la mamma cucina, lava e stira mentre il papà va a lavorare, legge il giornale etc. (Vi ricordate la polemica scatenata sui social qualche mese fa in merito a questo?)

Non si accettano più tutti quegli stereotipi legati ad una società “vecchia” in cui il ruolo della donna è ancora rilegato a quello di focolare della casa. 

Le bimbe di oggi se vogliono possono essere Superman, possono fare le gare con le macchinine e possono giocare a calcio con i propri compagni maschi. 

Il discorso inverso vale anche per i maschietti ovviamente: non viene più additato come “sbagliato” far giocare un bimbo con le bambole o con la cucina rosa di Masha e Orso (mio figlio Tommy la adorava ed è stato uno dei primi regali che gli ha fatto la sua “super progressista” zia Anna!).

…intanto a casa nostra…

In casa nostra però vige anche la seguente regola: tutte le bimbe sono principesse!

Ora vi spiego meglio: mio marito, uomo d’altri tempi (concedeteglielo… dopo tutto ha 20 anni più di me!), ha sempre insegnato ai suoi figli maschi che le bimbe sono tutte principesse e come tali vanno trattate.

Ecco la tipica scenetta che accade ai giardinetti se una bimba si avvicina a nostro figlio piccolo di un anno e mezzo… mio marito dice: “Jacopetto saluta la principessa!” e lui con sguardo dubbioso, con il suo ciuccio in bocca, fa ciao ciao con la manina. Se poi iniziano a giocare e Jacopetto (diciamo che non ha ancora imparato le regole della galanteria) fa il prepotente, mio marito subito gli spiega che deve far prima passare la bimba e poi, dopo, tocca a lui!

I bimbi di oggi saranno gli Uomini di domani

Nel contesto sociale di oggi dove nulla è più scontato, dove ci si stupisce anche delle più banali regole della buona educazione, dove ci si meraviglia quando si riceve un saluto o un grazie inaspettato, ecco che io trovo meraviglioso insegnare ai nostri bimbi maschi sin da piccolissimi queste “gentilezze”.

Crescere un figlio maschio, oggi più che mai, richiede accortezza, fermezza e capacità di “guardare oltre”.  

Da donna e da madre sento molto la responsabilità di crescere dei futuri uomini:

  • che siano educati, gentili, rispettosi; 
  • che sappiano sempre difendere i più deboli (indipendentemente da sesso, razza, religione e quant’altro);
  • che non siano mai arroganti ma che allo stesso tempo siano forti caratterialmente; 
  • che abbiano ben chiaro il confine tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato; 
  • che sappiano essere autorevoli e che sappiano trovare il loro posto nel mondo con determinazione. 

Voglio che crescano capendo a fondo il significato delle parole in modo tale che non si possano mai permettere di “apostrofare” una donna con termini poco consoni solo perché lo sentono dire da altri compagni; vorrei che sviluppassero un senso critico che permetta loro di riuscire a “prendere le distanze dal branco” quando si rendono conto che si sta “sbagliando strada”.

Ecco perché per me, questa “accortezza” che il loro papà gli insegna ogni giorno, è un piccolo mattoncino che contribuirà al loro “diventare uomini per bene”: perché il cambiamento nasce sempre dalle piccole cose.

Questo basterà per fare sì che in futuro crescano con saldi valori, rispettosi dell’essere umano e della donna? Forse no ma sicuramente è un piccolo passo, un piccolo gesto che loro ricorderanno sempre.

Quindi: donne, bimbe… concediamoci di essere considerate principesse una volta ogni tanto!

Diletta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...