Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Vi voglio raccontare della nostra straordinaria esperienza in una delle metropoli più grandi del mondo, Londra.Il suo fascino nel periodo delle feste natalizie diventa magico, con alberigiganteschi allestiti qua e là per la città; le vetrine si vestono con abiti scintillanti e le installazioni natalizie illuminano le strade tanto da far perdere la testa e lasciare senza fiato anche chi in questo mese si trasforma in un Grinch!Sarà che io da quando c’è Dalila sento particolarmente lo spirito del Natale, e ogni anno non vedo l’ora che arrivi questo periodo. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino - london eye

Venite con noi, e vi faremo fare un tour alla scoperta della magica atmosfera natalizia che vive in questa città meravigliosa.

Primo giorno

Atterriamo all’aeroporto di Gatwich nel primo pomeriggio e con il Gatwich Espress ci impieghiamo solo 45 minuti per raggiungere la stazione di Victoria e il nostro hotel, posare i bagagli e andare alla scoperta della città. Mi raccomando, assicuratevi di prender il treno giusto: questo è il più veloce e vi farà recuperare tempo; potete fare i biglietti online sul sito GATWICHEXPRESS. Il nostro Hotel Tristle city Barbican nel quartiere di Shoreditch, famoso per tutti i suoi murales e la street art in zona 1 – comodissimo alla fermata della metro di OldStreet circa 200 metri, una zona residenziale servitissima da minimarket, ristoranti e pub. 

Dopo aver effettuato il check-in, la nostra prima meta sono il TowerBridge e la Torre di Londra. Proprio di fronte all’uscita della metropolitana di London Bridge non perdete il mercato coperto di BoroughMarket (chiude tra le 17.00 e le 18.00 dipende dai giorni) dove potrete stuzzicare qualcosa tra banchi di street food e pub tipici. 

Vi consiglio di farci un salto, perché questo mercato è tra i più famosi di Londra!

Passeggiando raggiungiamo il London Bridge dal quale c’è una vista mozzafiato e scattiamo un po’ di foto notturne. Proseguendo sulla sponda sud del Tamigi da London Bridge arriviamo fin sotto la London Eye e nel cammino troviamo Shakespeare GlobeTate Modern … tenete gli occhi aperti perché li vicino potrete ammirare il Millenium Bridge.
 Proseguendo in direzione London Eye ci ritroviamo in un tunnel completamente ricoperto di graffiti e murales (Leake street Arches) davvero incredibile! 

Se volete trascorrere una serata tra locali stravaganti e ascoltare un po’ di musica mentre sorseggiate un drink, questa zona è quello che fa per voi.

In questo caso la luce in fondo al tunnel non è un aforisma, perché noi la luce davvero l’abbiamo vista ed è quella della ruota panoramica più alta d’Europa che fa capolino tra i palazzi e illumina il cielo con dei riflessi di un rosso intenso. 

Allunghiamo il passo, vogliamo arrivare in tempo al mercatino di Natale che si trova proprio li sotto. Il mercatino chiude alle 23,00 e siamo ancora in tempo per stuzzicare qualcosa nelle tipiche casette di legno e bere una birra, ma soprattutto siamo in tempo per fare un paio di giri sul carosello.

Secondo Giorno

La giornata inizia con una super colazione internazionale: croissant, spremuta d’arancia, toast, uova e bacon; oggi andremo alla ricerca del famoso portone blu del film di Notting Hill che io adoro (20 Westbourne park Road). 

All’uscita della fermata della metro di Notting Hill Gate, subito dietro l’angolo, ci ritroviamo in Portobello road. La via è piena di turisti e passeggiando tra le tipiche case esclusive della zona raggiungiamo Portobello Road Market.

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Il mercato c’è tutti i giorni, ma se vi interessa l’antiquariato e siete amanti come me del vintage, vi consiglio di andare di Sabato mattina. Trattenetevi fino all’ora di pranzo in modo da pranzare nelle numerose bancarelle di street food.

Proseguiamo con una bella passeggiata verso Kensington Gardens alla ricerca della fontana in memoria di Lady D. (Diana Playground), incontriamo tanti simpatici scoiattoli che si lasciano avvicinare in cambio di qualche nocciolina da sgranocchiare. 

Vi suggerisco di portarvene qualcuna in tasca se volete scattare qualche bella fotografia o addirittura provare ad accarezzarli.

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Attraversato Kensington Gardens ci ritroviamo nella spettacolare zona commerciale di Oxford Street, piena di luci stratosferiche e vetrine da lasciare senza fiato, ma la cosa che più mi ha lasciato senza parole sono state le persone, non ricordo in vita mia di aver mai visto così tanta gente camminare frettolosamente tra negozi e boutique!

“Per fortuna questa volta avevo il cellulare con me e anche se con Danilo ci siamo persi, ho potuto rintracciarlo prima che la batteria del cellulare mi abbandonasse (ricordo quella sera in cui ci siamo persi sulla metropolitana a Bangkok senza telefono, non vi dico che PANICO!!! … ma questa è un’altra storia)”.

Proseguiamo alla ricerca del negozio che Dalila attende da questa mattina, Hamleys il paradiso dei bambini, 7 piani di giocattoli per tutte le età (188/196 Regent Street). In questo mega negozio, i vostri bimbi si scateneranno, se non trovate il vostro gioco qui forse non l’hanno ancora inventato perché c’è l’imbarazzo della scelta. Dopo un’intera giornata passata nel passeggino i vostri bimbi daranno il meglio di loro, e sono certa che non riuscirete ad uscire senza aver comprato qualcosa!

Il nostro giro prosegue alla volta di Carnaby Street, Piccadilly CircusSoho e Chinatown dove ci fermeremo per cena visto che noi adoriamo il cibo asiatico.  

Terzo giorno

Dopo aver trascorso una nottata un po’ turbolenta, la sveglia questa mattina suona presto perché per le 11.00 vogliamo essere a Buckingham Palace, la Regina ci attende per il cambio della guardia: vi confesso che dopo essere arrivata lì mi è davvero venuto un forte desiderio di vederla dal vivo. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Purtroppo Westminster e il Big Ben li abbiamo solo intravisti, perché sono in fase di ristrutturazione, vorrà dire che tra qualche anno avremo la scusa per tornare!Percorriamo The Mall, il lungo viale che costeggia St. James’s park, a mio avviso il parco più bello che in questi giorni abbiamo avuto modo di vedere. E’ pieno di scoiattoli, papere, anatre e Dalila si diverte un mondo a corrergli dietro, gli alberi hanno ancora parecchie foglie, il sole fa capolino tra le nuvole e riesco a fare delle foto con dei colori pazzeschi. 

Ormai sono le 14.00 e iniziamo ad avere un certo languorino, è Domenica, e la tradizione vuole che si pranzi con il Sunday Roast, piatto tipico a base manzo, maiale o pollo, servito con Yorkshire pudding, patate arrosto, verdure miste e salsine, lo preparano in tutti i Pub della città. Oggi i negozi chiudono alle 18.00 e dobbiamo correre se vogliamo trovare i magazzini Harrods ancora aperti. Attraversiamo Trafalgar Square e ci dirigiamo verso Brompton Road. Strada facendo ci troviamo di fronte il Museo di Storia Naturale (chiude alle 18.00, ultimo ingresso 17.15).
L’ingresso è gratuito, e facciamo un giro veloce per vedere i dinosauri: i vostri bimbi apprezzeranno sicuramente!!!! 

Oggi abbiamo camminato parecchio, e se siete venuti con noi in questo viaggio virtuale resistete ancora un po’ perché l’ultima tappa di oggi è il tanto atteso Winter Wonderland ad Hyde Park. In questo periodo dell’anno viene montato questo strepitoso luna park con pista di pattinaggio, ruota panoramica, giostre per grandi e piccini e poi tanti, tanti Pelouches! 

“Non ho mai visto così tante persone vincere peluche ad un parco divertimenti. Noi non abbiamo resistito e abbiamo tentato la fortuna, ma il motto qui è “SI VINCE SEMPRE!!” e infatti hanno regalato un piccolo elfo di natale a Dalila, anche se non avevamo raggiunto il punteggio minimo … questi inglesi sono davvero avanti!!

Ma non è finita qui, all’interno del luna park si può anche mangiare con hotdog, panini, patatine, crêpes e churros bere birre tipiche, vin brûlé e cioccolata calda a cascate … insomma un po’ per tutti i gusti. Inoltre l’atmosfera viene riscaldata da concerti sparsi per tutto il parco, assolutamente da non perdere! 

Quarto giorno

Questa mattina andremo alla scoperta di Camden Town. L’essenza di Londra più vera e affascinante, quella della scena musicale alternativa, dell’eccentricità e dello shopping per tutte le tasche è racchiusa in questo quartiere. 

Tappa immancabile se venite a Londra.

Ci ritroviamo catapultati in un percorso alternativo, lontano dai grattaceli, tra vintage, artigianato, vestiti, borse e gioielli, stampe e vinili un vero paradiso per chi cerca oggetti originali e mai fuori moda. Decidiamo di trattenerci fino all’ora di pranzo per poi mangiare qualcosa al food market. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Con la pancia piena torniamo verso la fermata della metro direzione Embarkment Pier per prendere il battello che passa ogni 20 minuti per una romantica crociera al tramonto. É possibile fare la crociera partendo da Westminster, ma noi avendo già visto quella zona, per recuperare tempo abbiamo optato per questa fermata, verso le 16,30 il sole inizia a scendere e sulle rive del Tamigi si crea un’atmosfera stupenda, lo skyline di Londra acquista un fascino incredibile e io voglio ammirare questo spettacolo meraviglioso. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Il battello ci porterà a Greenwich per vedere il meridiano zero dove tutto ha inizio. Se avete un po’ più di tempo potete andare con più calma e dedicare una mattina per visitare questo delizioso borgo, patrimonio dell’umanità. Potrete andare alla sede dell’osservatorio astronomico e percorrere un tratto del meridiano. Noi purtroppo siamo arrivati che era già buio e siamo riuscirti a vedere il meridiano all’interno del Parco di Greenwich (chiude alle 18,00) facendo luce con la torcia del cellulare. Ma é stato comunque emozionante. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Per il ritorno, prendiamo il Bus 188 direzione Rossell Square così da poter ammirare un po’ questa zona completamente differente dal centro di Londra. Cerchiamo di avvicinarci il più possibile alla prima fermata della metropolitana disponibile e una volta scesi a Charing Cross ci ritroviamo a Covent Garden. La mia esclamazione è stata semplicemente WHAOOOOOO!!!! E’ Uno dei quartieri più chic di Londra, fatto di locali esclusivi, turisti all’ultima moda, ristoranti eleganti, negozi e boutique di grandi griffe. Le illuminazioni qui sono sorprendenti, mi sentivo come una bambina in un negozio di caramelle, saltavo da un vicolo all’altro per ammirare l’eleganza di questo posto. 

Assolutamente da non perdere … Anzi se riuscite a dedicare un po’ più di tempo a questa tappa, non ve ne pentirete!!!

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

A Come ogni giorno all’interno del nostro tour abbiamo inserito una tappa dove Dalila si potesse scatenare, oggi ci attende l’imperdibile negozio degli M&M’s, 35.000mq dedicati ai cioccolatini più famosi del mondo. Siccome il negozio chiude alle 24.00 ne approfittiamo per fare un salto nel coloratissimo vicolo di Neal’s YardLondra è una città ricca di sorprese, non finisce mai di stupirci, e questo piccolo angolo sembra essere uscito da un libro delle fiabe.

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Proseguiamo a piedi verso la nostra meta in direzione Leicester Square dove c’è un mercatino di Natale, ma non ci lasciamo tentare, gli M&M’s ci stanno aspettando! Ci divertiamo come i matti e non vi dico la faccia di Dalila quando ha visto questi enormi pupazzi in ogni angolo del negozio e ne approfittiamo per comprare alcuni souvenir, tanto questi croccanti cioccolatini colorati piacciono a tutti!!! 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Usciti da questo paradiso con almeno 2kg di M&M’s (non sono molto economici circa 19£ al kg) ci dirigiamo da Five Guys, un fast food molto in voga a Londra. E Dalila ci delizia con uno show da modella in stile shooting fotografico! 

È giunta l’ora di rientrare in hotel dobbiamo preparare le valigie domani sarà l’ultimo giorno di permanenza, ma io non mi sento pronta a salutare questa magica atmosfera e decidiamo di camminare fino alla fermata successiva, Piccadilli Circus

Quinto giorno

La sveglia suona presto perché prima di avviarci all’aeroporto (il nostro volo é alle 17.25 e vi consiglio di arrivare in aeroporto con largo anticipo visto che i controlli sono molto, molto severi) abbiamo ancora un paio di tappe che vogliamo fare, e vista la splendida giornata di sole e il cielo azzurro, approfittiamo per vedere Londra dall’alto.

Usciamo di corsa, ma solo dopo aver fatto la nostra super colazione, direzione Sky Garden. Al 35′ piano si trova il giardino pensile più alto di Londra, questo edificio è anche conosciuto con il nome di Walkie-Talkie per la sua forma particolarmente arrotondata, larga sopra e stretta sotto. 

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

L’ingresso ai turisti apre alle 10.00, ma siccome non abbiamo prenotato, incrociamo le dita e speriamo di avere la fortuna di riuscire ad entrare. All’entrata ci accolgono con una grande professionalità e ci fanno accomodare nella corsia prioritaria, eh si avete letto bene, con i bambini in molti posti si ha la precedenza e la cosa fantastica di questo posto è che l’ingresso è completamente gratuito!

Giunti in cima si respira un profumo delicatissimo di fiori, l’aria fresca ti libera i polmoni e colora le guance di rosa. Noto subito dei deliziosi divanetti con delle copertine di pelliccia: é possibile prendere una consumazione al bar e ammirare la vista seduti comodamente oppure affacciarsi alla terrazza, perché da qui la vista è mozzafiato e a mio avviso l’altezza é giusta per poter ammirare lo skyline che si sviluppa sulle rive del Tamigi

Weekend British: Un tour itinerante a portata di bambino

Nonostante vorrei tanto farmi coccolare da quelle morbide copertine, non ci tratteniamo molto, vogliamo fare ancora un salto a St. Paul’s Cathedral. Purtroppo non riusciamo ad entrare perché non abbiamo abbastanza tempo per fare la coda (l’ingresso qui è a pagamento circa 18£, ma con la London Pass potrete entrare gratuitamente). 

Arriviamo in hotel verso le 13, l’orario giusto per fermarci a mangiare qualcosa nel ristorante che c’è all’interno, e decidiamo di sgarrare per l’ultima volta con un piatto enorme di fish & chips. A questo punto é giunto il momento di tornare verso casa: zaini in spalla, e via!

Londra ci è piaciuta tantissimo, sicuramente l’atmosfera natalizia ha reso il tutto più magico, proprio come piace a me. Tornarci a distanza di 15 anni è stato shoccante, perché non immaginavamo di vederla così architettonicamente cambiata, ma del resto siamo cambiati anche noi. Abbiamo trovato una città molto baby friendly (tranne per alcune fermate della metropolitana, perché non avevano l’ascensore e con il passeggino è stata davvero dura), ma per il resto con i bimbi ci si può davvero divertire trovando il giusto equilibrio per accontentare un po’ tutti. Inoltre mi aspettavo che il costo della vita fosse più caro visti i canoni della città, e invece questi 5 giorni sono stati davvero pieni di colpi di scena.

Bye Bye Londra … arrivederci !!!! 

La parola d’ordine di questa vacanza è MAGIA!!!
Siamo soddisfatti per tutto quello che siamo riusciti a vedere, sicuramente pochi giorni non sono sufficienti per vedere tutto, e di certo tra qualche anno, quando Dalila sarà più grande, avremo la scusa per tornarci, magari senza passeggino!Per il momento ci godiamo i ricordi di questa città pazzesca in attesa di scoprire la prossima destinazione dove ci porterà. 

SUGGERIMENTI PRATICI

  • Bagagli: se avete il passeggino o bimbi piccoli vi consiglio lo zaino in modo da avere le mani libere anche perché nella metro non tutte le fermate hanno l’ascensore (lift) e ci sono parecchie scale.
  • Trasporti: se come noi farete 4/5 giorni vi consiglio la Oyster card (quella Blu e Azzurra) è un abbonamento ricaricabile, che vi permette di usufruire di sconti sia sulle tratte della metro che sui famosi bus di linea a due piani inoltre vi dà diritto a avere degli sconti anche per il battello oltre che ad avrete la possibilità di acquistare i biglietti 2X1 per molti musei e attrazioni.
  • Pagamenti: potrete ordinare un po’ di sterline in banca prima di partire oppure cambiare ad un change direttamente in loco, ma la soluzione più pratica e sicuramente meno penalizzante per il cambio è usare bancomat e carte di credito preferibilmente contactless, anche i mercatini e i banchetti accettano le carte. 
    E non dimenticate di portare l’ombrello sempre con voi … anche se c’è il sole a Londra le nuvole arrivano in un baleno!

Un abbraccio,
Desiree

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...