ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

Oggi vorrei parlarvi di un argomento inerente al mio lavoro. Un tema che mi ha appassionato da subito: IL MERAVIGLIOSO MONDO DEI RICCI.

I miei capelli naturali non sono né lisci, né ricci. Potrei equipararli a un mocio usato, bello vero?

Osservando le mie amiche ricce, anche con una punta di invidia, ho pensato di risolvere la mia situazione e velocizzare le mie asciugature facendomi la permanente. L’errore di valutazione più grande della mia vita.
Ho sbagliato di brutto, ma di brutto, brutto, brutto.
Con l’aiuto della permanente assomigliavo a un mocio asciutto.
Questo mi ha spinto a confrontarmi con le mie colleghe, con chiunque fosse riccio-dotato e finalmente ho trovato il dritto della situazione.

Oggi aiuto i miei clienti – anche gli uomini a volte non sanno come approcciarsi- a valorizzare la propria chioma con questi 4 consigli.

#1 LA SCELTA DEI VOLUMI

Guarda allo specchio come muovi le tue mani: si spostano verso l’alto o cercano di tenere sotto controllo i capelli?

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO
Cropped shot of a beautiful young woman styling her hair in her bathroom
#2 LA SCELTA DEL PRODOTTO

Non esiste una legge universale per la curly shape, ma ogni gusto ha il fissatore giusto. 

Ti piace il riccio “croccante”? Hai bisogno di sostegno? La Mousse è quello che fa per te!

Ti piacciono boccoli morbidi, ma definiti? Allora un prodotto fluido anti-frizz è quel che ti serve.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

Se invece preferisci un blando controllo della tua chioma leonina, utilizza l’idratazione di un balsamo da non risciacquo.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

Nulla vi vieta di combinare mousse, gel, fluido o balsamo no-rinse insieme.
Un esempio: mousse in radice per un miglior sostegno e gel su lunghezze e punte per un effetto più morbido ma  definito.

#3 L'ASCIUGATURA

Sembra banale ma se si usa il phon, serve anche il diffusore. A meno che non vogliate sperimentare tecniche non convenzionali come le trecce, l’attorcigliamento nell’asciugamano o i roller. In ogni caso è di fondamentale importanza che il capello sia ben bagnato (quasi gocciolante) prima di metterci qualsiasi fissante. Solo l’acqua permette una distribuzione omogenea del prodotto.

Se si vuole il massimo del volume i capelli si asiugheranno a testa in giù. Se non ci riuscite potete utilizzare delle mollettine per sollevare la base dei capelli nella zona superiore della testa.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

Se si desidera un riccio più pulito e regolare, si inciocchettano le ciocche (scusate il gioco di parole) prima di utilizzare il phon. Questo accorgimento si può utilizzare anche in estate lasciandoli all’aria per un effetto curly-waves.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

In ogni modo voi vogliate i vostri capelli, il segreto è NON TOCCARLI DURANTE L’ASCIUGATURA, ma solo dopo. Why?

Perchè le ciocche bagnate sono delicate ,non sono ancora stabili. Continuando a muoverle nel loro stato, si rompe la forma, il riccio si spaventa e l’effetto cappellaio matto è dietro l’angolo.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO
#4 PROBLEM SOLVING

Un capello mosso naturale può essere aiutato da una permanente leggera a trovare una forma più duratura.

Se le ciocche si spaventano o addirittura sono lisce sulle punte, nonostante questi consigli, 2 potrebbero essere le cause più probabili:

  1. La caduta di capelli svuota la ciocca, crea dei vuoti e i capelli impazziscono;
  2. Il capello è molto disidratato e non riesce a inanellarsi.

Se la tua chioma è molto ribelle, hai un capello grosso e anarchico ( anche la comparsa di capelli bianchi non aiuta), il più delle volte c’è bisogno di una forte idratazione. Ricostruzioni e\o cheratine saranno sempre tue alleate.

ALLA RICERCA DEL RICCIO PERFETTO

Comunque vada sarà un successo perchè queste semplici domande vi aiuteranno a conoscere i vostri capelli e valorizzarvi in modo cosciente.

Un piccolo appunto prima di lasciarci: la maggior parte delle foto che trovate nei social inerenti a questo argomento, sono pieghe create con spazzole o ferri o piastre. Il riccio naturale non è ordinato e una ciocca non può essere identica all’altra.

Detto questo, arrivederci alla prossima avventura!
Elisa

Elisa- @elyshampoo
Elisa
@elyshampoo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...