Le Cose che non sapevo dei Matrimoni al Sud

Questa estate, come vi avevo già raccontato, sono stata in vacanza a Tortora, un paesino al confine tra Calabria e Basilicata.
Sono stata lì, oltre che per le mie vacanze estive, anche per presenziare al matrimonio di una coppia di amici.
Ho sempre saputo che i matrimoni al sud erano eventi spettacolari, ma non potevo immaginare quanto!

Prima di ogni matrimonio che si rispetti, i due sposi festeggiano rispettivamente l’addio al nubilato e l’addio al celibato, al sud hanno però un’usanza in più: LA SERENATA.
Ho visto le serenate solo nei film e le ho percepite come eventi mitologici, come un qualcosa di cui si parla sempre ma che nessuno ha mai visto. Mai credevo che una volta arrivata lì mi avrebbero detto come nulla fosse “vieni anche tu alla serenata?”. CERTO! Ma che si fa a una serenata?

Noi eravamo organizzati così: flotta di amici e parenti dello sposo che dalla Calabria si indirizzavano a casa della sposa in Basilicata, precisamente nel Parco Nazionale del Pollino. Cassa per riprodurre la musica, più di 30 fogli con il testo della canzone scelta, super mazzo di fiori da consegnare alla sposa. Siamo partiti così, in una sera d’estate. C’erano proprio tutti, dagli amici d’infanzia alla nonna. 

Arriviamo intorno alle 21, il cane che riconosce subito lo sposo e rischia di far saltare la sorpresa. Che poi scopro che tanto sorpresa non era, ovviamente essendo una usanza, la famiglia della sposa ci stava attendendo. La sposa era in camera al piano di sopra, al piano di sotto era apparecchiato per un regimento (effettivamente eravamo meno di mille). Abbiamo acceso la musica e tutti in coro abbiamo iniziato a cantare, lo sposa si è affacciata alla finestra e si è lasciata andare a qualche lacrima di commozione. Si se lo aspettava, ma non sapeva che lui avrebbe scelto la stessa canzone con la quale le ha fatto la proposta durante un concerto a Verona, la città degli innamorati.
È stato romantico come non credevo che si possa essere.
La sposa a fine canzone è scesa e ha abbracciato il suo futuro marito, a quel punto erano molte le persone che non trattenevano la commozione. 

Poi è partita la festa! Spaghettata per tutti, affettati, formaggi e una foccaccia che ancora oggi non riesco a dimenticare.
Abbiamo cantato e abbiamo ballato fino a tarda notte, non conoscevo nessuno, ma era come se fossero tutti amici e parenti anche miei. Mi hanno fatto sentire a casa. Non so se mi sposerò mai, ma se mai mi sposassi, vorrei una serenata anche io!

Matrimonio al sud Italia - tradizioni e usanze

L’addio al nubilato è stato un classico, gadget scherzosi, buffet e musica in un locale della città. Avevamo l’animazione e Nonna Rosa, dalla quale vorrei farmi adottare, ballava e si divertiva come non mai. La Torta è stata Top, con un’immagine imbarazzantissima dello sposo, io non smettevo di ridere, la sposa si è divertita tantissimo.

Arriviamo dunque al giorno delle nozze, rito celebrato in chiesa, nel paese di lei e ricevimento a Maratea (città dove pochi giorni dopo hanno iniziato le riprese del film 007 in uscita a breve nelle sale).
Lei era stupenda, sembrava una dea, impeccabile in tutto, capelli, abito, make-up, una delle spose più belle che io abbia mai visto. Tutto era curato nei minimi dettagli. Mai visto tanta precisione. La mia amica ha organizzato tutto dal nord, si è fatta aiutare sì, ma è stata davvero bravissima.

Il ricevimento è stato fatto al GRAND HOTEL DI MARATEA. Un posto, come direbbe la Marini, stellare!! Guardavo quell’hotel da lontano, durante la vacanza nei giorni precedenti, chiedendomi che posto meraviglioso fosse all’interno, non avevo idea che il ricevimento si sarebbe fatto proprio lì. O meglio, avevo l’invito scritto, ma non lo avevo letto con attenzione.

L’hotel era situato sotto al Cristo di Maratea, su di un promontorio, la vista sul mare era mozzafiato, da lì si potevano vedere 3 regioni: la Campania, la Basilicata e la Calabria. L’atmosfera era magica.

La giornata è trascorsa veloce, abbiamo mangiato piatti buonissimi, era principalmente tutto a base di pesce. Gli amici dello sposo hanno intrattenuto le pause con giochi e un video parodia della coppia. Era in dialetto stretto quindi non ho capito tutto, ma giuro che nonostante questo mi ha fatto scompisciare dal ridere.
C’era anche l’animazione, ho fatto una gara a Just dance davvero esilarante.
Ma ciò che mi è piaciuto di più è stato il taglio della torta serale, preceduto dai fuochi d’artificio. 

I matrimoni al sud sono qualcosa di indescrivibile.
Rimane in me un ricordo indelebile di quella giornata.

Barbara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...