“Mamma, papà, lo zaino lo preparate voi?” – La lunga strada dell’indipendenza

“Mamma, papà, lo zaino lo preparate voi?” La lunga strada dell’indipendenza

“Domani quali libri bisogna portare?”
“L’esercizio di pagina 20 di matematica va fatto?”
“Ma le scarpe da ginnastica dobbiamo metterle in cartella?”

Alzi la mano chi non riceve mille di questi messaggi tutti i giorni attraverso le chat di classe.
Si, dovete alzare la mano se avete questa fortuna, perché io devo assolutamente venire a conoscervi a questo punto! 
Per me siete come il sacro Graal.
Perché? Perché io sono letteralmente assediata da questi messaggi ogni sacrosanto giorno dell’anno.

E, tra un isterismo e l’altro, a questo punto ho iniziato a riflettere sulla questione: possibile che noi genitori sentiamo il bisogno di chiedere al mondo, di continuo, conferme su cosa devono o non devono fare i nostri figli a scuola? Su cosa devono o non devono portare come materiale scolastico?

Non ci basta guardare il diario, non ci basta guardare il registro elettronico, dobbiamo anche chiedere conferma agli altri genitori delle nostre classi, così, tanto per “essere più sicuri”: ma perché?
Poi ci sono anche i casi di chi per pura pigrizia lo fa, ma quello è un altro discorso, e in quel caso scatta veramente l’ira funesta!

Ma comunque non è questo il punto della questione.
Il punto della questione è: perché non lasciamo i nostri figli liberi di affrontare la scuola? Perché non li aiutiamo a responsabilizzarsi?

Ci ho riflettuto molto; io in primis sono una mamma che controlla sempre diario, comunicazioni, preparo io i libri per mio figlio (che va in seconda elementare) tutti i giorni, nel week end lo obbligo io a fare i compiti decidendo io stessa tempi e modalità, ma forse, in parte, sto sbagliando.
Provo a spiegarmi meglio: è ovvio che non possiamo pretendere da bambini di sei o sette anni di essere totalmente autonomi nello svolgere i compiti e nel pianificare le attività ma credo che noi genitori dovremmo in parte iniziare a sentirci responsabili dalla nostra capacità di insegnare loro a “responsabilizzarsi” (perdonate il gioco di parole!).

Va bene aiutarli a fare i compiti, va bene essere di supporto ma non dobbiamo sostituirci totalmente a loro. Non dobbiamo “predisporre” sempre tutto.
Mi rendo conto che sia difficile, in parte perché ci dispiace che i nostri figli possano rischiare di essere in difetto, in parte perché noi stessi genitori non vogliamo sembrare in difetto nei confronti della scuola, non vogliamo che le Istituzioni pensino che non siamo “presenti”.
Ma forse, a volte, l’essere presenti implica proprio il fare un passo indietro per permettere loro di crescere.

Personalmente mi sono imposta di provarci almeno: la sera voglio provare a non preparare io lo zaino a Tommy con dentro i libri necessari per il giorno dopo. Voglio provare a farlo fare a lui, voglio che sia lui a controllare l’orario e scegliere il materiale da portare.

Sbaglierà a volte? Probabile. Le docenti si lamenteranno? Probabile.  Ma se noi siamo comunque lì accanto, pronti a dare supporto quando necessario ma solo dopo aver fatto provare a loro, secondo me gli insegniamo qualcosa che sarà utile sempre nel futuro. Stiamo insegnando loro ad essere presenti e responsabili.
Forse è una sciocchezza ma oggettivamente credo che al giorno d’oggi l’ingerenza (a fin di bene ovvio) da parte di noi genitori nella vita scolastica dei nostri figli sia veramente eccessiva. E con lo scopo finale di fare qualcosa di buono in realtà stiamo ottenendo l’esatto contrario.

Da mamma voglio che imparino ad essere sicuri, a non dover chiedere sempre conferma sul da farsi e forse si inizia proprio da cosa piccole e semplici come il preparare il proprio zaino per il giorno dopo.

Diletta

Diletta - @dilettacaselle
Diletta
@dilettacaselle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.