Io, mamma di un “bambino del bosco”

Asilo nel bosco - Io, mamma di un "bambino del bosco"

Arriva per tutti i genitori, prima o poi, il momento di scegliere la scuola dell’infanzia dei propri figli: quando è toccato a me, avevo ben in mente l’importanza dell’impronta educativa che avrei voluto per Lorenzo: credo che i bambini sono come piccole piante, e che nella fascia d’età dai tre ai sei anni, le sensazione ed emozioni che si provano, mettono le basi per l’adulto di domani.

La nostra ricerca è iniziata e finita esattamente lo stesso giorno in cui abbiamo varcato quel cancello verde; abbiamo scoperto un mondo magico, fatto di alberi, animali, cucine di fango, tanto fango, e amore.

Quando siamo stati invitati all’open-day per vedere e vivere una giornata tipo in un “asilo nel bosco”, io ero titubante e perplessa: si sa, la mamma vede mille aspetti tecnici che magari in un primo momento passano in secondo piano!

Un esempio? La stradina di ghiaia da percorrere ogni mattina a piedi, anche con la pioggia, magari con un bambino un pò svogliato che non ha voglia di collaborare.

Tuttavia, quando si decide per un’educazione outdoor, dovete sapere che gli orizzonti dei vostri figli si apriranno, e la loro fantasia spiccherà il volo!

Ecco che abbiamo detto SI da subito, senza il bisogno di parlarne a casa in tranquillità, è stata una scelta “di pancia” un pò azzardata, ma con il senno di poi, abbiamo optato per la scelta giusta e vi spiegherò perché!

Chi avrebbe mai immaginato che un mese dopo quell’open-day saremmo letteralmente finiti chiusi in casa? Già, perché mi sto riferendo allo scorso lockdown causato dal Covid.

In quel periodo di reclusione forzata, io ero incinta di otto mesi del mio secondo figlio, mio marito ha sempre lavorato, e io e Lorenzo abbiamo dovuto riscoprire il senso dell’attesa.

Abbiamo imparato a riconoscere le piante, ad ascoltare il suono degli uccelli, a cercare le impronte degli animali, a rispettare la natura, impararne l’odore e i suoni. Piano piano notavo come Lorenzo fosse sempre più a suo agio nella natura, e a settembre, nonostante l’incertezza generale, abbiamo iniziato il nostro cammino.

A distanza di mesi posso dirvi che, NO, non è una scelta facile! I bambini che si abituano alla natura difficilmente rinunceranno alla loro libertà e alla loro autonomia, anche se questo vuol dire arrampicarsi su un albero a giocare fuori, in pieno inverno magari!

Essere genitori di un bambino cresciuto nella natura, vorrà dire mettere da parte le paure e l’ansia, e accompagnarlo alla scoperta del mondo;

Vorrà dire attrezzarlo tutte le mattine con tuta impermeabile, stivale di gomma, zaino con un cambio intero perché inevitabilmente si bagnerà, borsa termica con il pranzo per i pranzi al sacco;

Ma tecnicismi a parte, vorrà dire anche vedere tutti i giorni i suoi occhi pieni di entusiasmo ed emozione nel raccontare le meravigliose scoperte che farà; 

Vorrà dire vederlo diventare responsabile e altruista, perché in natura si diventa una squadra, e se nella tua squadra qualcuno rimane indietro, tutti si fermano ad aspettarlo!

La vera grande insegnante è proprio la natura, mentre bambini e insegnati sono spettatori e attori.

Care mamas, vi immagino leggermi già in ansia per il freddo che secondo voi patiranno i vostri bimbi! E invece ci sono qui io a dirvi che no, il problema più grosso non sarà il freddo, ma il fango!

Il fango diventerà un incubo, un nemico subdolo che si infila ovunque, dentro alle orecchie, fra i capelli e nei risvolti dei pantaloni!

Scherzi a parte, tranquillizzatevi perché ho imparato a mie spese che “non esiste un tempo cattivo per stare fuori, esiste solo un cattivo abbigliamento!”

Valentina

Valentina- @la_valelazzari
Valentina
@la_valelazzari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.